Un catalogo
completo e
multispecie, per
le semine
primaverili e
autunnali

A seguito di una grandinata su un appezzamento coltivato a mais, esiste un metodo molto semplice per formulare una previsione di calo produttivo sulla base della % di superficie fogliare danneggiata.

Il metodo tiene conto oltre che del danno da defogliazione anche dello stadio fenologico della pianta colpita e si basa quindi su una tabella che incrocia  due valori restituendoci appunto la stima della percentuale di calo produttivo. Il metodo è valido per un mais che abbia superato lo stadio 6/7 foglie secondo il metodo del collare ( segui il link per maggiori info sul metodo del 

collare), in quanto il calo di rendimento potenziale si stima inizi con un danno fogliare del 50% in piante allo stadio V7.

Probabilmente prima di questa fase, la capacità di recupero di una pianta completamente defogliata (stadio V1-V6) è tale da non comportare cali produttivi. Ricordiamo inoltre che allo stadio V5-V6, l’apice vegetativo tende ad essere ancora molto vicino al suolo e quindi anche a fronte di un azzeramento della pianta (foglie e fusticino), il mais è in grado di reagire e generare nuovi germogli, fatto salvo che la grandinata e quindi le basse temperature non abbiano compromesso i tessuti ustionandoli. Il danno massimo (100 %) si ottiene con una defogliazione totale allo stadio di fioritura (tasseling, tassel) e prima o successivamente a questa fase il danno non è mai così forte e totale (anche se molto prossimo). Al danno fogliare andrebbe sommato il danno relativo alla diminuzione dell’investimento in termini di piante/metro2 nel caso di fenomeni grandinigeni particolarmente violenti e catastrofici. A seguito della fioritura, vanno comunque considerati i danni sulla spiga (danni sugli ovuli, sulla granella in fromazione/riempimento) oltre che quelli di natura fogliare.

 

Alleghiamo quindi la tabella per la stima del calo produttivo dovuto alla defogliazione:

1: individuate lo stadio fenologico della pianta come riportato nella prima colonna di sinistra (riquadro colore Bleu)

2: stimate la % di danno fogliare come % di  della superficie fogliare distrutta (riquadro verde)

3: incrociate i due valori e otterrete la % di produzione persa (riquadro rosso)

riportiamo una legenda per una traduzione non letterale dall’inglese:

  • Leaf = foglia
  • Tassel= pennacchio
  • Silked = emissione delle sete
  • Silks brown = sete scure ( avvenuta impollinazione)
  • Pre-blister = inizio ingrossamento ovulo
  • Blister = ingrossamento ovulo fecondato
  • Early milk = inizio fase latte
  • Milk = fase lattea
  • Late milk =  maturazione latteo-cerosa
  • soft dough = maturazione cerosa
  • early dent = inizio della formazione della solcatura sull’esterno del seme
  • Dent= solcatura completa
  • Late dent = circa 30 % di umidità
  • Nearly mature = prossimo alla raccolta

fonte: federal crop insurance handbook  number:  25080  (11-2010) united states department of agriculture  Washington, D.C. 20250