Un catalogo
completo e
multispecie, per
le semine
primaverili e
autunnali

Riprendiamo e in parte traduciamo in questo breve articolo un tweet  dell’IFAD (@IFADnews) , un’ agenzia delle Nazioni Unite che mette in risalto un articolo dell’IRIN  (http://m.irinnews.org/About); il tweet, per coloro che fossero interessati a leggere il testo originale è incorporato a fondo pagina.

JOHANNESBURG , 16 dicembre 2013 ( IRIN ) –Un nuovo studio, (  http://ow.ly/sa3N0  )mostra che i bovini allevati nei  paesi in via di sviluppo sono in grado di emettere 100 volte più gas ad effetto serra ( metano, protossido

di azoto e anidride carbonica) per ogni chilogrammo di proteine ( latte, carne ) prodotti rispetto a quelli dei paesi “ricchi”.

Lo studio, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS), è la più recente valutazione globale di ciò che bovini , ovini , suini , avicoli e altri animali da allevamento mangiano in diverse parti del mondo, l’efficienza con la quale convertono gli  alimenti in latte , uova e carne  e la quantità di gas serra che producono.

I paesi in via di sviluppo rappresentano il 75% delle emissioni globali prodotte dai bovini  e il 56% per cento delle emissioni globali di pollame e suini . Le emissioni di gas serra sono superiori in questi  paesi in virtù del fatto che le diete alimentari sono insufficienti sia qualitativamente che quantitativamente. L’alimentazione spesso non adeguata alle necessità degli animali ne peggiora altresì lo stato di salute.

Lo studio è stato realizzato da scienziati del Research Institute International Livestock ( ILRI ) , il Commonwealth Scientific Industrial Research Organisation ( CSIRO ) e l’ Istituto Internazionale per l’ Analisi dei Sistemi Applicati ( IIASA ) .

A livello globale , gli scienziati hanno scoperto che i bovini , allevati sia per la carne che per i prodotti lattiero-caseari , sono la principale fonte di emissioni di gas serra dal bestiame , pari al 77%  del totale ; la carne di maiale e il pollame contribuiscono solo il 10%.

L’aspetto più importante dello studio si riferisce a due diversi parametri:

  • L’efficienza alimentare, la quantità di mangime impiegata per produrre 1 Kg di proteina (carne o prodotto lattiero caseario).
  • L’intensità di emissione, la quantità di gas serra rilasciati per produrre 1 Kg  di proteina (carne o prodotto lattiero caseario).

L’Africa sub – sahariana è stata identificata come un hotspot (un punto caldo)  a livello mondiale in termini di emissioni . Il bestiame al pascolo nelle terre aride di Etiopia , Somalia e Sudan , per esempio, può rilasciare l’equivalente di 1.000 kg di anidride carbonica per ogni 1 kg di proteine che gli animali producono. In confronto, in molte parti degli Stati Uniti e in Europa, l’intensità di emissione è di circa 10 kg per ogni 1 kg di proteine.

Questi nuovi dati (rispetto ad altri studi e dati generati in passato),  possono offrire delle informazioni più dettagliate per aiutare i paesi a stabilire le loro linee di base relativamente alle emissione derivanti  dal settore zootecnico .

Tra i principali gas responsabili del riscaldamento , il metano ( 44% ) rappresenta la maggior parte delle emissioni derivanti dal bestiame , secondo quanto riportato in un rapporto dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura ( FAO); questo è seguito da protossido di azoto ( 29% ) e dall’anidride carbonica ( 27%) .

Diete migliori, alimenti e tecniche di alimentazione possono ridurre il metano rilasciato durante la digestione , così come la quantità di metano e protossido di azoto rilasciato dalla decomposizione del letame, dicono gli scienziati . L’equilibrio di nutrienti  nell’alimentazione può influenzare la quantità di gas che un animale produce e nei paesi più ricchi  si forniscono diete che sono più equilibrate nel loro mix di nutrienti . Gli scienziati stanno lavorando con diversi tipi di mix foraggeri  per aiutare i paesi poveri a ridurre le loro emissioni da zootecnia.

Mario Herrero , autore principale dello studio , che all’inizio di quest’anno ha lasciato ILRI per assumere la posizione di ricercatore capo presso CSIRO in Australia , mette in evidenza che per i piccoli agricoltori delle parti del mondo in via di sviluppo , è più facile lasciare che i loro animali pascolino sull’erba e che  pochi sono in grado di permettersi alimenti di qualità .


Herrero dice che ” Ciò di cui abbiamo bisogno è di intensificare i sistemi di piccoli proprietari terrieri in modo sostenibile ” e aggiunge “Per questo abbiamo bisogno dei giusti tipi di investimenti per i mercati in via di sviluppo e per la creazione di incentivi per gli agricoltori atti a intensificare i loro sistemi produttivi e le loro coltivazioni”. Continua spiegando che “Un capo di bestiame in Nord America o in Europa probabilmente consuma al massimo circa 75 – 300kg di materia secca per produrre 1 kg di proteine (carne), mentre in Africa sub-

sahariana , un bovino potrebbe richiedere tra 500-2.000 kg di materia secca per produrre 1 kg di carne. “ L’ efficienza dell’alimentazione viene calcolata in base alla produzione di una intera mandria  ma occorre considerare che inoltre in Africa i tassi di mortalità del bestiame relativamente elevati e tassi di riproduzione bassi contribuiscono in modo significativo alla inefficienza complessiva dei loro sistemi di allevamento .

A livello globale , la carne di maiale “produce” 24 kg di carbonio per 1 kg di proteine commestibili , il pollame  solo 3,7 kg di carbonio per 1 kg di proteine mentre  i bovini, gli ovini e i caprini (globalmente)  da 58-1,000 kg di carbonio per 1 kg di proteine (min e max) ; Una spiegazione sta nel diverso sistema digestivo tra monogastrici e  ruminanti.

Tuttavia, gli autori avvertono che le intensità di emissione più bassi nei settori dei suini e del pollame sono in gran parte il riflesso di sistemi produttivi  industriali “, che offrono alta qualità , diete equilibrate e concentrate per animali ad alto potenziale genetico “.

” Le grandi differenze di efficienza nella produzione di diversi alimenti zootecnici meritano grande attenzione “, osservano gli autori. “Conoscere queste differenze può aiutarci a definire livelli sostenibili e culturalmente appropriati di consumo di latte , carne e uova . ”

“In Africa orientale , un milione di piccoli proprietari mantengono la più grande mandria africana , l’Uganda produce latte al minor costo nel mondo  e i  produttori di piccole e grandi dimensioni operanti in Kenya hanno gli stessi livelli di efficienza e profitti”, dice l’ ILRI sul sito web. Inindia i piccoli agricoltori rappresentano almeno il 70 per cento del latte prodotto a livello nazionale .

Ci permettiamo di aggiungere che verosimilmente i consumi di carne, latte e derivati sono globalmente destinati ad aumentare nei prossimi anni in funzione dell’aumento delle richieste da parte dei paesi con economie in rapido sviluppo, (Cina e India). Diventa quindi fondamentale identificare, fotografare e regolamentare il problema delle emissioni di gas serra perché siamo destinati inevitabilmente a veder crescere il numero di capi di bestiame allevati a livello mondiale.

Il “costo” in termini energetico-ambientali, non è il solo che dobbiamo e dovremo considerare, perché la disponibilità di risorsa idrica in futuro potrebbe diventare un problema, un limite;  Consumare cibi ricchi di pietanze a base di carne, latte e derivati implica un costo pesante in termini di utilizzo dell’acqua.

Cambieremo le nostre abitudini? Miglioreremo l’efficienza dei nostri sistemi produttivi? ridurremo gli sprechi? Probabilmente si, probabilmente le sfide per l’agricoltura di domani.